Chi è il responsabile della caldaia? 3 diversi casi da esaminare

Chi è il responsabile della caldaia? 3 diversi casi da esaminare

Il proprietario. Quando vi è una caldai di proprietà che serve la produzione di acqua calda e per il riscaldamento di un singolo appartamento, allora si parla di caldaia autonoma. In questo caso, il suo responsabile le è il proprietario della casa se vi abita stabilmente. È lui che ha il compito di chiamare la ditta di manutenzione e assistenza caldaie Beretta Roma e sostenerne i relativi costi. Questa persona è responsabile anche per eventuali caldaie di seconde case. Il nome del proprietario è scritto nella prima pagine del libretto di impianto.

L’affittuario. Quando la casa dove vi è una caldaia autonoma viene data in affitto, ecco che il responsabile dell’apparecchio è l’affittuario che eredita tutti gli oneri di questo compito. In questo caso, sul libretto viene aggiunto il fatto che è proprio lui che deve preoccuparsi dell’impianto, chiamando con regolarità il tecnico della manutenzione, ogni volta che dovesse rivelarsi necessario. A usa discrezione, l’inquilino può decidere di chiamare un’altra ditta, a patto che si tratti di una realtà abilitata. Inoltre, l’inquilino deve pagare la spesa relativa, senza dividerla con il proprietario della casa. nel momento in cui il contratto di affitto dovesse scadere o l’inquilino decidesse di andarsene, torna ad essere responsabile dell’impianto il proprietario fino a quando non trova un altro affittuario.

L’amministratore. L’ultimo caso che riguarda la responsabilità di una caldaia, è quando questa è di tipo centralizzata. Quando vi è una sola caldaia che serve per la produzione di acqua calda e per il riscaldamento di tutti gli appartamenti di un singolo stabile, il responsabile non è uno dei condomini poiché l’apparecchio non è di proprietà ma è l’amministratore a svolgere questo compito, con alcune eccezioni. È l’amministratore a dover chiamare la ditta di assistenza caldaie Beretta Roma ogni volta che è necessario. L’eccezione, in questo caso, è che il responsabile non deve pagare per le spese di manutenzione, le quali sono divise tra tutti i condomini, i quali hanno un notevole risparmio.