Parquet flottante, di cosa si tratta?

Parquet flottante, di cosa si tratta?

Il parquet flottante è veloce da installare e inoltre risulta pratico da montare. Ma non offre solo questo. Per esempio non viene utilizzata la colla e neppure i chiodi. È vantaggioso e sempre più ricercato dalle persone. Si dimostra utile anche per preservare il pavimento sottostante, qual’ora il proprietario desidera mantenere anche quest’ultimo. Si può dunque definire un’ottima alternativa ai metodi classici. Offre anche un minor rumore quando viene calpestato, insomma è ottimo a 360°.

 

Le tecniche invasive vengono eliminate e lasciano spazio alla posa flottante. Nella maggior parte dei casi tale metodo è comune quando i parquet sono predefiniti è in legno naturale. L’assemblaggio fai da te è ottimizzato con il la tecnica flottante. Basta pensare che già sono eliminati tutti quei prodotti dannosi per la salute, ovvero le sostanze tossiche rilasciate nell’aria durante l’assemblaggio.

 

Inoltre molte persone lo apprezzano anche perché sono esclusi tutti quegli utensili per lavoro che danneggiano il pavimento sottostante. La messa in posa flottante è quindi un metodo ottimale per ottenere un lavoro perfetto e invidiabile a tutti. Anche per quanto riguarda la ristrutturazione questo metodo offre libero arbitrio.

 

Come funziona?

La tecnica flottante è semplice e non invasiva come le altre presenti sul mercato. Inoltre è molto veloce. I listelli utilizzati hanno una combinazione, la quale permette l’incastro dei medesimi. Viene chiamata maschio-femmina questa tipologia di combinazione. Il pavimento quindi appoggia e non viene incollato oppure inchiodato come avviene per le altre tipologie di montaggi. È appunto un sistema ecocompatibile che non danneggia l’ambiente e chi vive in casa. Nella posa flottante viene impiegato del materiale che possa isolare il tutto. Un foglio isolante che renderà uniforme il pavimento. Nella maggior parte dei casi vengono impiegati: una lastra di polietilene espanso a cellule chiuse, un foglio di nylon o una guaina bituminosa. Tale prodotto utilizzato per unificare e isolare il tutto deve essere risvoltato dove sono le pareti, proprio dove è disponibile il battiscopa.

Si dimostra ottimo anche per isolare i rumori e allo stesso tempo evitare che l’umidità risalga e entri in contatto con l’ambiente. Naturalmente a fine lavoro il pavimento oltre che essere nuovo e bello sarà anche liscio e del tutto omogeneo.